Relativamente ai canali online, una recente indagine commissionata dal Sole 24 Ore al Politecnico di Milano conferma il grande dinamismo nello sviluppo di innovativi formati distributivi per il nostro settore. In particolare, viene messa in evidenza la crescita dirompente di soluzioni ed applicazioni per le prenotazioni via mobile, come ad esempio Hotel Tonight, per la vendita di allocation con la formula last minute o GetYour Guide, un’applicazione che consente di prenotare pacchetti personalizzati. I dati evidenziano, inoltre, come il nostro paese abbia recentemente fatto registrare una maggiore effervescenza sul lato delle startup turistiche per il mobile con circa 17 imprese finanziate dal 2012 ad oggi, per una raccolta complessiva pari ad oltre 11,5 mln €. Dal punto di vista dei modelli di business adottati, emerge una grande maggioranza di soluzioni verticalmente integrate (65%) a fronte di un 17% di soluzioni solo B2B ed un 19% di modelli B2C puri. Fra le app che hanno raccolto i maggiori finanziamenti troviamo il record di 5,7 milioni da Musement (un’applicazione per la prenotazioni di attività leisure presso le destinazioni) seguita da Waynaut (aggregatore di informazioni sui mezzi di trasporto, 1 milione di euro), Weekend-a-GoGo (distribuzione di “pacchetti” per il fine settimana, circa 970mila euro) e PanPan (un servizio per inoltrare domande a seconda della geolocalizzazione, 900mila euro). Tra le start up che hanno prodotto fatturato si contano ancora Musement, Beestay (distribuzione B2B di pacchetti di soggiorno per hotel) e Wanderio (sistema di prenotazioni complete con un’unica app).

Hotelogica© 2015 – Gestione e Consulenza Alberghiera

Crescita delle start up per il turismo mobile in Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *