Probabilmente alcuni degli imprenditori più accorti si saranno resi conto della recente release da parte di Booking.com del tool denominato “Booking Suite”. Si tratta di uno strumento  che potrebbe aprire la via ad una integrazione orizzontale da parte di Booking.com nel settore degli applicativi per il revenue management. Il sistema, accessible su richiesta, è rivolto a tutte le tipologie di strutture ricettive (B&B, Hotel, Agriturismi, All suites, Case vacanze, Residence) e prevede un livello gratuito ed uno più completo a pagamento. L’applicazione consiste nella possibilità di eseguire un benchmarking competitivo quotidiano sul comportamento di pricing della concorrenza incrociandolo con i dati di occupazione della destinazione. Dunque uno strumento che, sebbene non in grado di sostituire (al momento) le applicazioni dei sistemi più complessi, può rappresentare un valido supporto a chi intendesse cominciare ad orientarsi sulle tecniche di revenue management.

BookingSuite-RateManager
Schermata del servizio Booking Suite, il rate shopper offerto da Booking.com

Cosa manca per una gestione professionale del revenue? L’analisi dello storico, i kpi della struttura dei costi ovvero (la contabilità industriale della struttura ricettiva) e soprattutto la definizione di una strategia di fencing che consenta di allocare una quota di inventory ottimale per ogni voce del customer mix.

Hotelogica© 2016 – Gestione e Consulenza Alberghiera

Booking.com introduce un nuovo tool per il revenue management

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *